Ragusa 25.06.2013

Con l'elezione del Grillino Federico Piccitto, il Popolo Sovrano punisce ed umilia Giovanni Cosentini

(69,55% contro 30,45%)

foto Beppe Grillo

http://www.corrierediragusa.it/public/multimedia/federico_piccitto.jpg

Giovanni

L'avevo ampiamente previsto ed avevo energicamente reagito all'appoggio di Rosario Crocetta, politicamente lontano mille miglia dal "perdente da sempre" Giovanni Cosentini scandalosamente candidato del centro sinistra, nonostante espressione emblematica del centro destra e di quella parte deteriore della Democrazia Cristiana che dal dopoguerra a "mani pulite", ha fondato i suoi successi sull'omertà, sul partitismo, sulla strumentalizzazione della miseria e sulla clientalizzazione delle Leggi, in barba ad una meritocrazia mortificata ed avvilita, che tanto avrebbe potuto dare e fare per i Ragusani, costretta ad emigrare ed a cedere il passo a "teste di legno", discendenti da "teste di legno" asserviti ad un sistema che implode sotto la spinta della civile pressione popolare.

Nonostante la discesa in campo del "gotha" del centro sinistra (CROCETTA, EPIFANI, LUPO, D'ALIA e BIANCO), GIOVANNI COSENTINI già "perdente" ogni qualvolta candidandosi, ha tentato di travalicare i confini politici della paesanità, esce clamorosamente sconfitto dalle amministative del 23 e 24 giugno 2013. La Gran parte dei Ragusani ha votato Piccitto per punire la tracotanza di Giovanni Cosentini, che è quello che è, con annessi, connessi, presupposti e conseguenziali, nel pretendere di essere eletto a primo cittadino. Non pochi che avevano disertato le urne in prima battuta e che si trovavano lontani dalla Sicilia sono rientrati per il ballottaggio per votare contro Cosentini.

il tentativo di restaurazione del vecchio sistema iniziato con l'inganno dell'elezione al Senato del vittoriese Mauro Giovanni già pres. della Provincia di Ragusa (da tale arrestato, condannato per "associazione a delinquere finalizzata alla corruzione" ed assolto in appello dal ben noto Pres. Dr. Giuseppe Foti della C.d.A. di CT.), candidato in Campania, grazie ad un sistema elettorale truffaldino, dove nessuno lo conosce, al posto dell'esponente del Pdl Nicola Cosentino (arrestato subito dopo le elezioni per riciclaggio e corruzione aggravati dall'aver favorito una associazione mafiosa), con l'elezione a Sindaco di Federico Piccitto, è stato bocciato dai Ragusani, opportunamente informati da quanti coraggiosi Guardiani delle Istituzioni ci siamo sovraesposti con mai sopiti ed attuali rischi rilevantissimi, con immutabile fede nello Stato e nelle Istituzioni, nella Costituzione e nelle Leggi, da cui pretendiamo ed a buon diritto "tutela", la stessa che è stata imprudentemente concessa a chi non la meritava sulla base di strumentali falsità e calunnie. Leggasi cliccando di seguito su 5)La genesi del caso "Fera" è negli atti prolusivi agli arresti del presidente Mauro(20.10.2005);

Il mese di giugno 2013 rimarrà nelle menti e nella Storia del Popolo Ragusano, anche e soprattutto per la fuoruscita dalla scena pubblica di Fera Agostino, viscerale amico e consocio dello sconfitto Giovanni Cosentini, con cui si è ripetutamente alternato alla presidenza dell'esclusivo lions club di Ragusa. Il Fera ha occupato il Tribunale di Ragusa ininterrottamente per  40 anni: per  15 anni da sostituto procuratore (nov.1968 – dic. 1983), per 8 da pretore (genn.1984 - sett. 1992) e per 17 da procuratore (ott.1992 – febbr. 2009), data in cui è stato trasferito alla procura dei Minorenni di Catania che ha dovuto lasciare con "dispiacere e rammarico" il 13.06.2013, per collocamento a riposo d'ufficio (unitamente  alla carica di presidente della C. P. T. di Ragusa), da indagato in più procedimenti penali pendenti a suo carico presso il Tribunale di Messina, per "calunnia" ed altri capi d'imputazione. Leggasi cliccando di seguito su 57) Lontani da Procure e Tribunali macchine infernali (7.09.2009). Aggiornato al 20.04.2011 e su 82) PECULATO D'USO CONTINUATO: LA SENTENZA SHOCK CON CUI IL GIUDICE MASTROENI ASSOLVE FERA AGOSTINO (30.10.2012)

Venerdì scorso, dopo una serie di contatti internautici protrattisi nel tempo, ho incontrato Grillo a Ragusa, al "Prima Classe". Una stretta di mano guardandoci negli occhi e poche parole per capirci, per capire il "viatico" di un vissuto travagliato che ci accomuna: mi ha trasmesso quella serenità, sicurezza e speranza in un avvenire migliore per i nostri figli ed i figli dei nostri figli, di chi crede in quello che dice e che fa e soprattutto ho capito che come me è schierato dalla parte dei più deboli ed indifesi e quando s'infiamma e s'incazza alla mia stregua, è perchè ritiene illegittimo ed immorale che in "DEMOCRAZIA" possa esistere un manipolo di finanzieri che di fatto ha espropriato gli Stati dell'eurozona della Sovranità Politica guadagnando milioni di euro all'ora, al minuto, al secondo; pubblici amministratori, politici e magistrati con stipendi da capogiro; pensionati d'oro che arrivano a prendere fino a €. 92.000/00 al mese, sulla pelle di tanti, troppi disperati che vivono di stenti, muoino di fame e si suicidano. Persone umane in cerca di un lavoro che non c'è, che vivono per un tozzo di pane ed un sogno di carne e scontano la morte vivendo.

Al neo Sindaco Ing. Federico Piccitto, alla Giunta ed ai Consiglieri eletti di S.e.L., Cinquestelle, e I.d.V. auguro in una con i miei collaboratori "eiusdem furfuris", buon lavoro, certi come siamo che non ci deluderete, facendo entrare dalla finestra quanti sono stati costretti ad uscire dalla porta principale perchè cancellati da un radicato sentimento popolare espresso con una valanga di voti, che sarebbe delittuoso tradire e che promuoverete iniziative utilli, opportune e doverose, tese esclusivamente alla crescita dei Ragusani e di Ragusa.

Biagio Spadaro Sardo

 

Telefax: 0932-820060  —  cell.338.8388966 — posta elettronica:  passanitello@giustiziaesfatta.com