1 maggio 2009

 
 

Il 27 febbraio 2009 il Dott. Carmelo Antonio Petralia ha prestato giuramento di fedeltà alla Repubblica insediandosi al vertice della Procura Ragusana

Il neoprocuratore Dott. Carmelo Antonio Petralia

Nato a Catania il 30 ottobre 1950 dove si è laureato in giurisprudenza col massimo dei voti, entra in magistratura nel 1976. Giudice Istruttore al Tribunale di Lodi, nel 1983 viene assegnato alla Pretura di Lentini e quindi, nel 1985 alla Procura della Repubblica di Catania quale Sostituto, per poi far parte della Procura Distrettuale Antimafia D.D.A. etnea nata nel novembre del 1991, che ha assegnato e continua ad assegnare duri colpi anche alla mafia del ragusano a far tempo dalla prima operazione "SQUALO" del giugno 1992 (clan Dominante-Carbonaro).

In prima linea alla Procura di Caltanissetta in occasione delle indagini per le stragi di Capaci e di via D'Amelio, nel 1993 il Dott. Petralia viene assegnato alla Direzione Nazionale Antimafia da dove proviene e dove ha disimpegnato la sua delicatissima funzione connessa con processi di mafia a Caltanissetta, Messina, Catania, Bologna eTorino, che l'hanno portato a svolgere indagini fin negli U.S.A.

Significative le presenze al suo insediamento del capo della D.D.A. etnea Dott. Vincenzo D'Agata e del suo braccio destro Dott.Fabio Scavone, che ben conoscono l'uscente Fera e l'organigramma mafioso della provincia di Ragusa.

Al Dott. Petralia che ha dichiarato "Ho scelto la Procura di Ragusa convinto di poter svolgere un positivo lavoro in nome della Giustizia, nell'interesse delle sane e laboriose popolazioni iblee" diamo il benvenuto ed auguriamo buon lavoro, anche se ci rendiamo conto che non sarà facile smantellare il "sistema perfetto" messo a punto nel quarantennio dal suo predecessore.

C'è da augurarsi, per rompere definitivamente con il passato, che anche il successore del Presidente Duchi, che dovrà lasciare a breve in virtù della Legge "Mastella", venga da fuori e che non sia scelto tra magistrati operanti da decenni presso il tribunale di Ragusa.

Biagio Spadaro

Telefax: 0932-820060  —  cell.338.8388966 — posta elettronica:  passanitello@giustiziaesfatta.com