Ragusa 06.12.2015

MARINE LE PEN E MARION MARE'SCIAL-LE PEN CONQUISTANO LA FRANCIA

 

Marion Maréchal-Le Pen in April 2012Risultati immagini per marine le pen immagini

Mariol e Marine

Al primo turno delle elezioni regionali francesi l’estrema destra supera la coalizione di centrodestra. I sondaggi Ipsos proiettano come primi dati su base nazionale il Front National dal 27, 2 al 30,8 per cento, i Républicains – cioè le liste dell’ex presidente Nicolas Sarkozy di destra e centro unite – tra il 27% e il 27,5% e i socialisti dell’attuale presidente François Hollande tra il 23 e il 23,6%. I verdi sarebbero intorno al 6,6% e le liste di estrema sinistra intorno al 4%. Il Front National risulta in testa in almeno sei regioni su tredici: in particolare nella regione Nord-Pas-de-Calais-Picardia Marine Le Pen avrebbe ottenuto il 42,1%; Marion Maréchal Le Pen, candidata in Provenza-Alpi-Costa Azzurra, otterrebbe invece il 41,2%—; avanti anche lo stratega del partito, Florian Philippot, candidato in Alsazia-Champagne-Ardenne-Lorena, al 39,6%. I socialisti sarebbero in vantaggio in Aquitania e Bretagna; la destra di Sarkozy in Normandia, Paesi della Loira ed Alvergna-Rodano-Alpi; in Corsica – dove l’affluenza è stata altissima – si registrerebbe un sostanziale pareggio tra la sinistra e una lista regionale.

Per la stampa francese la vittoria del Front National al primo turno delle elezioni regionali di domenica è “uno choc”, come recitano diversi titoli di apertura. Uno sconvolgimento del panorama politico e istituzionale, mandato in frantumi dal partito di Marine Le Pen, sull’onda dello scontento degli elettori nei confronti dei partiti tradizionali.

Sinistra e destra senza voce
L’Opinion
Per il direttore Nicolas Beytout la situazione attuale – tre partiti inconciliabili che si ritrovano al secondo turno – “è rarissima” e “non si è mai verificata nella quinta repubblica, dove i negoziati tra i due turni si limitavano di solito a discussioni all’interno della stessa compagine”. Questo, prosegue Beytout, “è il risultato dell’incredibile pressione esercitata dall’ascesa dell’estrema destra e dall’insediamento nel paesaggio politico francese di una terza forza politica che è diventata la prima in ordine di importanza. Pensate per un confronto tra due blocchi tradizionali, la destra e la sinistra, le nostre istituzioni avevano finora favorito il dialogo e l’alternanza. Questi tempi sono passati. Questa nuova situazione lascia i perdenti senza strategia né voce”.

Il nemico principale
Libération
“Anche se la sinistra limita i danni siamo di fronte a un paesaggio completamente inedito. Impensabile fino a ieri, l’idea che [il Front National] possa prendere il potere diventa più concreta per questo partito che guadagna cinque punti a ogni elezione”, sostiene Laurent Joffrin. “Occorre procedere a un esame che riguarda la politica in generale, sulla quale si è riversata la rabbia degli elettori”, prosegue il direttore del giornale, “a cominciare dalla gauche in particolare, la cui assenza di risultati apre la strada all’intolleranza. […] Un terzo dei francesi hanno votato FN, ma i due terzi non vogliono la sua politica. In queste condizioni la logica classica del nemico principale deve imporsi. Tra destra ed estrema destra occorre scegliere il male minore”.

 

Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

Marine e Mariol

Biagio Spadaro Sardo

Telefax: 0932-820060  —  cell.338.8388966 — posta elettronica:  passanitello@giustiziaesfatta.com