20 aprile 2014

MATTEO RENZI: UN AGNELLO NEL COVO DEI LUPI

matteo

Sono tre gli eventi storici prolusivi di una svolta epocale che caratterizzano gli ultimi anni di quest'inizio secolo, Papa Francesco, Beppe Grillo e Matteo Renzi, tutti e tre dalla parte dei più deboli: il primo, l'unico veramente e sinceramente amato dagli Italiani e dal mondo intero, predestinato alla reinterpetrazione della religione cristiana, gli altri due a sconvolgere gli equilibri politici europei e mondiali.

Una vera e propria rivoluzione: tre spine nel fianco dell'alta finanza che pretenderebbe di assoggettare il mondo e renderne i popoli schiavi.

Giorni fa assistendo a dei lavori di potatura di ulivi chiedevo al capo squadra "cosa ne pensa di Renzi?"

Mi rispondeva "diretturi è n'agnieddu nà mannira re lupi".

Aitante, giovane, bello e con una gran voglia di fare, così è vissuto nel sentimento popolare e così sarebbe se non fosse che quell'agnello è stato allevato proprio dai lupi ai quali sentitamente, anche se ingenuamente, vorrebbe mutare il pelo, ma come si sa i lupi perdono il pelo ma non il vizio e Matteo altro non è che un utile strumento nelle loro mani che finirà con l'adeguarsi, se non a rischio di esserne sbranato. Al "rottamatore" in effetti è stata consentita l'ascesa al potere dai "rottamati", che senza di lui sarebbero stati travolti dal voto popolare: "Bisogna che tutto cambi perchè tutto torni ad essere come prima".

Noi Italiani ci auguriamo utopisticamente che possa farcela con l'aiuto di Papa Francesco e di Gianroberto Casaleggio.

Biagio Spadaro

 

Telefax: 0932-820060  —  cell.338.8388966 — posta elettronica:  passanitello@giustiziaesfatta.com