17.5.2012

Oleare le rotatorie dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Italiano e ritornare a stampare la lira

"Mi dica, in coscienza, lei può considerare veramente libero un uomo che ha fame, che è nella miseria, che non ha lavoro, che è umiliato perché non sa come mantenere i suoi figli ed educarli? Questo non è un uomo libero. Sarà libero di bestemmiare, di imprecare, ma questa non è libertà. La libertà senza giustizia sociale è una conquista vana."

Sandro Pertini

 

fabbrodonna

Il Dott. Matthias Rath in un recente discorso fatto a Berlino riportato su facebook, che è stato definito "Il coraggio di esporsi" dal sito Medicienon, ha detto: "E' finito il tempo in cui si poteva ingannare la gente con slogan del tipo se crolla l'Euro crolla anche l'Europa. Enfaticamente diciamo alla Signora Merkel e agli altri burattini politici: non abbiamo bisogno del vostro euro! Questa moneta… Questa moneta svolge una sola funzione: quella di catena che rende milioni di cittadini Europei schiavi della dittatura economica."

e continua "E' solo una questione di tempo prima che la gente del mondo chieda ai responsabili conto delle loro azioni. I rappresentanti dello status quo, cioè i gruppi di interessi economici e politici, lo sanno e naturalmente hanno paura. E questa paura li rende molto pericolosi" . All'affermazione del dott. Rath è possibile trovare riscontro proprio nelle parole che ha pronunciato il Presidente Monti qualche tempo fa "Se non passa la riforma andiamo a casa" nelle quali forse si legge che il Presidente del Consiglio sta iniziando a capire che in Italia si accettano con difficoltà le riforme imposte dal suo governo, governo tecnico non eletto dal popolo.

Al diavolo chi ha voluto l'euro (già con la conversione euro lira a 1.936,27 furono dimezzati i nostri risparmi, i nostri salari ed il nostro tenore di vita) e continua a sostenerlo nella consapevolezza che ci ha tolto la Sovranità Nazionale consegnandola alla BCE, o ancor peggio a quell'Elite mondiale di super economisti che hanno come progetto il dominio assoluto del pianeta! C'è da chiedersi: le nostre Forze Armate dipendono dallo Stato Italiano o dalla BCE e cosa ne pensano in cuor loro i Capi di Stato Maggiore dell'Esercito, della Marina, dell'Aeronautica e dei Carabinieri, come anche della DENUNCIA IN PROCURA DEL 2 APRILE 2012.pdf (2,22 mb) dell'avv.Paola Musu?

E' sotto gli occhi di tutti e tutti l'hanno capito come i soldi che il nostro governo va rastrellando imponendoci sacrifici impossibili e vieppiù dagli esiti letali, vadano a finire in un sacco senza fondo dissolvendosi nell'etere, dal momento in cui il nostro debito pubblico da quando si è insediato Monti, Fornero.... è aumentato, 26 banche italiane sono state declassate da Moody's (Moody's chi è costei? ? ?), lo spread è rimasto pressocchè invariato ed in borsa continuano a bruciarsi migliaia di miliardi, o meglio di ecomiliardi dal momento che bruciano senza che nessuno ne abbia mai visto le fiamme nè le ceneri, trattandosi in realtà di fuochi virtuali generati da impulsi elettronici lanciati a tempo secondo le esigenze dell'alta finanza, che di fatto ha assorbito i nostri politici (con in testa i nostri 73/836 eurodeputati) preoccupati unicamente di mantenere integri i loro privilegi.

Se come sostengono i nostri politici ed il Governo dei Tecnici da loro voluto, si impongono sacrifici per il bene dell'Italia e degli Italiani perchè non incominciavano da loro, dando il buon esempio come ha fatto il Presidente francese François Hollande riducendosi lo stipendio del 30% all'indomani della sua elezione, così come i suoi Ministri? Com'è possibile che Manganelli, Capo della Polizia italiana, guadagna 621.000,00 euro all'anno, mentre il Capo dell'F.B.I. in America (50 stati il più piccolo dei quali è pari all'Italia) guadagna 175.000 dollari, cioè 150.000,00 euro all'anno?

Perchè non si ha il coraggio di eliminare, Stato in testa ed a seguire comuni, province e regioni i posti di sottogoverno, gli incarichi professionali e tutti quegli entii inutili ed altamente dispediosi che servono unicamente da serbatio di voti per i politici?

Le riforme del Governo Monti, pur necessarie andavano fatte alla rovescia, prima penalizzando chi ha tanti soldi, magari con un prelievo all'indomani del suo insediamento del 30% sulla parte di deposti eccedenti i 300.000,00 euro, poi con la lotta ai grossi evasori fiscali, professionisti in testa, poi sui grossi patrimoni con esclusione della prima casa e non con i controlli sempre ai soliti a reddito fisso,ai parrucchieri, ai tabaccai, ai bottegai ed ai tavervieri, costretti, come avviene in Sicilia a chiudere bottega e così via a scalare e sicuramente non ci sarebbe stato bisogno di andare oltre, come si è fatto spazzando via il ceto medio, azzerando le piccole imprese, affamando il popolo e distruggendo l'economia, che sic stantibus rebus, non si vede (rectius, intravede) come possa risollevarsi.

Ma la cosa che lascia allibiti e che offende il "pubblico pudore" e l'intelligenza del POPOLO ITALIANO è come i politici che sostengono l'attuale Governo, sempre gli stessi, sempre le solite facce, carichi di "scheletri nell'armadio" che vanno apparendo nella pubblicità a ritmo esponenziale, continuino ad occupare i mass media convinti come sono che con le loro chiacchiere saranno rieletti, senza rendersi conto che la gente non li tollera più, che la sola vista li disturba, che avranno problemi a circolare nelle pubbliche vie, se non a rischio, com'è già avvenuto (ma siamo all'inizio com'è prevedibile) di essere scherniti.

Mentre l'Italia affonda, la Turchia che non abbiamo voluto nell'eurozona marcia con un P.I.L. de 5/50% su base annua e l'Argentina del dopo default dell'8/7 %, per non parlare degli Stati Sovrani paragonabili al nostro, ma al di fuori dell'eurozona.

Amici Greci, salvatevi ed uscendo dall'Euro salvateci, aiutateci ad uscire dalla TRAPPOLA EURO, siamo ancora in tempo ma dobbiamo fare in fretta o sarà troppo tardi. Avrete la gratitudine della gran parte degli stati U.E. che ci seguiranno ed insieme coopereremo con pari dignità, da Stati Sovrani carichi delle nostre storie, culture e tradizioni.

Biagio Spadaro

 

Telefax: 0932-820060  —  cell.338.8388966 — posta elettronica:  passanitello@giustiziaesfatta.com