Veniamo a conoscenza che lo scrittore Carlo Ruta è attualmente sotto processo per stampa clandestina, per avere curato il blog internet www.accadeinsicilia.net. Si tratta di un fatto sconcertante. Il processo si sta svolgendo presso il tribunale di Modica. Giudice monocratico è la dottoressa Patricia Di Marco. In sede di dichiarazioni spontanee, nella udienza tenutasi il 25 settembre 2007 Ruta ha precisato che il suo sito, come centinaia di migliaia di siti italiani, è un blog personale legato alla sua attività di storico e di scrittore d’inchiesta. Ha precisato altresì che tale sito non ha mai goduto di alcuna periodicità, e quindi non può rientrare negli ambiti  soggetti alle leggi sulla stampa del 1948 e del 2001. Ha aggiunto infine che scopo di tale sito è stato maggiormente quello di supportare il lavoro di documentazione che veniva e viene proposto tramite libri. Un importante teste, ispettore di PS a Ragusa, ha d’altra parte confermato che non è stata verificata la periodicità del sito, perché intanto era stato oscurato d’autorità, per denuncia di Fera e Di Paola.
Il 29 gennaio 2008, a opera della dott.ssa Patricia Di Marco sarà emessa la sentenza di tale processo. Si tratta del primo caso in Italia. E una condanna costituirebbe un fatto scandaloso ed estremamente inquietante, dal momento che in nessun paese civile è mai successo che il curatore di un blog internet sia stato condannato. E pare che qualcosa del genere non sia ancora avvenuta neppure in regimi autoritari, che pure temono internet. Di certo, nel caso di condanna, fatto appunto unico in tutto il paese, si avrebbe una rivolta di tutto il mondo di internet: una realtà ormai consolidata e non eludibile, che costituisce comunque  oggi un importante presidio di libertà di parola e di democrazia. Si attende quindi la sentenza.

Telefax: 0932-820060  —  cell.338.8388966 — posta elettronica:  passanitello@giustiziaesfatta.com